• home slideshow manifesto 2018
  • slideshow01
  • Magliano_Strippaggio2
  • A Torino contano le persone

Suk, a grandi passi verso il disastro

Scritto da Redazione sito on . Postato in news

Quinto sabato consecutivo di gestione illegittima in Canale Molassi: ViviBalon totalmente impotente mentre nuovi operatori si aggiungono nella più totale anarchia. China pericolosissima: per quanto via Carcano sia una collocazione assurda, rimangiarsi il progetto dello spostamento sarebbe, a questo punto, ancora peggio.

INTERPELLANZA – Nuove stazioni per il car sharing: scelta autonoma o interlocuzione con gli ‘stakeholder’?

Scritto da Redazione sito on . Postato in Interpellanze

PREMESSO CHE

  • il “car sharing” è l’uso condiviso di automobili, mezzi commerciali e scooter messi a disposizione da un servizio pubblico o privato in cui il concetto di “proprietà” viene sostituito con quello di “utilizzo” del veicolo;
  • BlueTorino è il nuovo servizio di “car sharing” 100% elettrico già attivo a Parigi, Lione, Bordeaux, Indianapolis;
  • le Bluecar utilizzano batterie LMP (Litio-Metallo-Polimeri), riciclabili al 100% e realizzate con materiali non inquinanti a impatto zero;
  • per utilizzare le Bluecar è necessario registrarsi online e abbonarsi;
  • le colonnine di ricarica sono aperte non solo a chi utilizza il servizio ma anche a chi possiede un’auto elettrica;

RILEVATO CHE

  • in città il “car sharing” è offerto da diverse società che si differenziano per modalità del servizio e tariffe applicate; tutte, invece, consentono il libero accesso alla ZTL (non però in strade e corsie riservate al trasporto pubblico o in aree pedonali) e il parcheggio gratuito nelle strisce blu;
  • la Bluecar è disponibile per il noleggio ad accesso libero 24 ore su 24, 7 giorni su 7, garantendo ai fruitori zero costi di parcheggio, zero costi di manutenzione, zero costi di carburante e nessun onere assicurativo;
  • le vetture sono silenziose e non emettono polveri sottili e l’assistenza è disponibile in qualunque momento;

CONSIDERATO CHE

  • la convenienza e la semplicità di utilizzo stanno consentendo a BlueTorino di conoscere buoni riscontri da parte degli utenti e, in conseguenza dell’incremento della domanda, sta aumentando l’offerta di stazioni di fermata e ricarica nel territorio cittadino;
  • le nuove stazioni vengono realizzate mediante installazione di centraline e creando zone di sosta (parcheggi a raso paralleli al senso di marcia) riservate con istituzione del divieto di sosta e fermata per tutti gli altri veicoli privati (eccetto per i veicoli elettrici);
  • lo scrivente è recentemente venuto a conoscenza di lavori in via Foglizzo, proprio di fronte al alcune attività commerciali, per la creazione di una nuova stazione destinata a BlueTorino;
  • si tratta di attività commerciali insediate nei pressi del civico 18 che necessiterebbero piuttosto di un’area per il carico/scarico delle merci in ausilio ai fornitori;

INTERPELLA

Il Sindaco e l’Assessore competente per sapere:

  1. quante siano le attuali stazioni di sosta e di ricarica di Bluecar;
  2. quante stazioni siano state realizzate nel 2018 e quante si prevede di realizzarne nel 2019;
  3. quali siano i criteri seguiti per la realizzazione di nuove stazioni e se vi sia una preventiva interlocuzione con gli “stakeholder” del territorio (residenti, commercianti);
  4. se per l’Amministrazione sia possibile avviare un ragionamento con la società BlueTorino per sospendere la realizzazione della stazione di sosta in via Foglizzo 18 e/o per “spostarla” di pochi metri;
  5. se, in caso di risposta negativa al punto precedente, l’Amministrazione intenda farsi parte diligente prevedendo, per la futura individuazione e collocazione di stazioni di sosta per il “car sharing” elettrico, una “concertazione” che coinvolga la partecipazione al processo decisionale dei cittadini e dei commercianti.

Silvio Magliano

INTERPELLANZA – Vita da cani in via Servais

Scritto da Redazione sito on . Postato in Interpellanze

PREMESSO CHE

  • negli interni di via Servais (Circoscrizione 4), estremità ovest, nell’area adiacente a corso Sacco e Vanzetti e dopo l’impianto sportivo è presente un’area cani;

RILEVATO CHE

  • tale area è recintata e suddivisa al suo interno in due sottozone per evitare che cani di differente taglia possano giungere a distanze troppo ravvicinate e pertanto rischiose;
  • l’area è complessivamente piuttosto ampia ma è poco curata e manutenuta: è molto buia perché manca l’illuminazione pubblica, non ci sono panchine, non c’è una fontana d’acqua potabile;

CONSIDERATO CHE

  • l’Amministrazione “5 stelle” ha sempre narrato di avere a cuore le sorti degli animali da affezione tanto da arrivare a rivoluzionare una tradizione storica come i fuochi di San Giovanni per sostituirli con i droni, silenziosi e pertanto incapaci di spaventare gli amici pelosi;
  • l’attenzione non è solo nei grandi eventi che attirano le attenzioni degli organi di informazione, ma significa spendere attenzioni per le piccole cose quotidiane, tra le quali la cura e la manutenzione di un’area cani;

INTERPELLA

Il Sindaco e l’Assessore competente per sapere se l’Amministrazione intenda prendersi cura dell’area cani in oggetto, collocando pali per l’illuminazione pubblica (rendendola pertanto accessibile in sicurezza anche nelle ore serali e notturne e nei mesi invernali), installando una fontana d’acqua potabile, posizionando nuove panchine ed incrementando la frequenza degli interventi per garantire maggiore pulizia.

Silvio Magliano