INTERPELLANZA – Database del sistema informatico ASL

Premesso che:

  • da plurime segnalazioni è emerso che, in fase di sostituzione del sistema informatico dell’ASL, non siano stati trasferiti, nella loro completezza, i dati personali da un database all’altro;
  • i cittadini titolari di esenzioni sui farmaci o di altra natura sarebbero di fatto costretti a presentarsi di persona presso gli sportelli per la conferma del proprio diritto alle esenzioni.


Rilevato che:

  • sulla base di quanto riferito, a partire dal 1° gennaio u.s. risulterebbero persi i codici di esenzione di alcuni cittadini con disabilità o con gravi patologie;
  • sarebbe stata data indicazione ai medici di medicina generale di indirizzare gli utenti presso gli sportelli ASL.

Considerato che:

  • diverse sono le segnalazioni pervenute a questo proposito da un numero significativo di cittadini;
  • i cittadini dovrebbero fornire nuovamente informazioni delle quali le Istituzioni sono già in possesso;
  • gli utenti sarebbero penalizzati, specialmente le persone con disabilità o con gravi patologie, persone, cioè, per le quali in certi casi spostarsi è una fatica gravosa non sostenibile.

INTERPELLA la Giunta Regionale per sapere:

  • se quanto sopra esposto corrisponda al vero;
  • se esista un back up aggiornato sui dati degli utenti;
  • quando il nuovo sistema sarà pienamente aggiornato ed integrato;
  • quali misure intenda attuare la Giunta per porre rimedio a una situazione gravemente penalizzante per tante
    persone e in quali tempistiche intenda farlo.

Tenuta sociale a rischio senza il Volontariato: il Comune faccia la sua parte per sostenerlo

Ho presentato un’interpellanza per chiedere che la Città di Torino azioni le proprie leve (sgravi e proroghe) per sostenere le Associazioni del territorio, colpite in maniera drammatica dalla crisi. Senza un aiuto concreto, rischiamo che tante realtà del Terzo Settore non sopravvivano: le conseguenze sociali sarebbero gravissime per tutti.

Il Volontariato ha dato tanto, in questi tre mesi di emergenza, a favore della comunità. Ora tocca al Comune fare la sua parte a sostegno delle realtà dell’Associazionismo del nostro territorio. Ho presentato un’interpellanza a Palazzo Civico per chiedere all’Amministrazione di riconsiderare – azzerandoli, riducendoli o almeno prorogandone i termini di scadenza – gli importi dei canoni di locazione e concessione e dei tributi. È infatti vitale che anche il Comune contribuisca alla sopravvivenza degli attori del Terzo Settore e delle Associazioni di Volontariato. Le conseguenze economiche della crisi sono state, per il Terzo Settore, terribili. Non possiamo permetterci che la rete della solidarietà del nostro territorio si sgretoli. I Volontari si sono trovati spesso soli in prima linea ad affrontare i luoghi più critici della crisi: ora attendono l’aiuto delle Istituzioni. I costi fissi (sedi, ammortamenti, leasing e utenze) non sono mai andati, per le Associazioni, in quarantena. Dovere del Comune è fare la propria parte per garantire la continuità dei servizi.

Tratta Pinerolo-Torre Pellice, vogliamo chiarezza

Vogliamo chiarezza: qual è l’idea della Giunta Cirio sul futuro della tratta Pinerolo-Torre Pellice?

Non vorremmo che il parziale smontaggio della linea elettrica – operazione iniziata nelle scorse settimane – fosse preludio a un disimpegno definitivo. Invece non solo il progetto vincitore della gara indetta dalla Regione Piemonte, ma soprattutto la strategia politica imporrebbero il contrario. Quale grado di importanza attribuisce a questa tratta l’Assessore Gabusi, dopo averla definita “non prioritaria” a inizio anno? I Moderati la ritengono strategica, perché consentirebbe tempi di percorrenza molto più rapidi per e dal capoluogo per i pendolari della Val Pellice, che avrebbero finalmente una reale alternativa all’impiego dell’auto privata.

Ora lo spaccio arriva anche ai giardini Saint Bon

Lo fanno pensare i soggetti che frugano tra le siepi, verosimilmente alla ricerca delle dosi appena acquistate dai pusher: urgono interventi per rendere l’area verde nuovamente frequentata e dunque sicura. Ho invitato la Giunta, che per ora temporeggia, a effettuare un sopralluogo in zona.

Mia nuova interpellanza in Consiglio Comunale sui Giardini di via Saint Bon: ho invitato l’Assessore Unia, che ha risposto a verbale al mio quesito, a effettuare un sopralluogo sul posto, per rendersi personalmente conto della situazione di questo spicchio del quartiere Aurora e degli spazi circostanti. Al momento, l’Amministrazione è ferma sulle sue posizioni: niente creazione dell’area cani, niente recinzione dell’area giochi.

Ma intervenire sul giardino per renderlo nuovamente fruibile dalle persone del quartiere è fondamentale: perché al momento a regnare è il degrado. Non “solo” sporcizia, non “solo” momenti di tensione a causa di soggetti che, evidentemente, poco volentieri accettano di essere richiamati a comportamenti civili: in zona è arrivato anche lo spaccio. Si vedono persone che rovistano tra cespugli e siepi, verosimilmente per recuperare le dosi appena acquistate dai pusher.

L’area giochi, si difende la Giunta, è poco frequentata: e vorrei vedere, aggiungo io, viste le condizioni oggettive.

I Moderati, in Comune come in Circoscrizione 7 (con il Presidente della Commissione di Quartiere Pino La Mendola e gli altri Consiglieri), continuano a ritenere che questo giardino possa tornare a essere un’opportunità e un luogo di socialità per il quartiere: ma adesso bisogna intervenire. Il nostro impegno per il bene dei residenti continua.

Occupazioni abusive di case ATC, partita a poker con il morto

In questo “gioco pericoloso” la grande assente è proprio l’Agenzia Territoriale per la Casa: davvero troppo pochi gli interventi di ristrutturazione, cresce in maniera drammatica il fenomeno delle occupazioni abusive. Tornerò sul tema con una nuova interpellanza e mi auguro che più fondi arrivino dalla Regione.

Casi di appartamenti ATC occupati: erano 61 a fine 2019, sono oltre 110 oggi. Praticamente il doppio. Una situazione gravissima, quella che emerge dalla discussione in Consiglio Comunale della mia più recente interpellanza sul tema. C’è una ragione precisa per l’esplosione del fenomeno: se non provvediamo a effettuare interventi di manutenzione sugli appartamenti che ne hanno bisogno, questi resteranno vuoti e dunque oggetto di possibili occupazioni abusive.

Spero che ATC, cominciando in questa “partita” a giocare le proprie carte, vorrà ora farsi sentire in Regione Piemonte, per ottenere fondi più consistenti per i molti interventi di manutenzione e ripristino necessari. Appartamenti ristrutturati e occupati da inquilini che ne hanno titolo non rischiano di essere occupati abusivamente.

Soprattutto in alcuni quartieri di Torino (quasi venti le occupazioni solo tra via Scarsellini, via Roveda e corso Salvemini), la bomba sociale rischia di esplodere. Le occupazioni sono spesso precedute dal formarsi di veri e propri campi nomadi improvvisati e accompagnate e seguite da minacce ai residenti e atti di vandalismo. Preannuncio fin da ora una nuova interpellanza per conoscere dati precisi sul numero di alloggi assegnati e sul numero di alloggi da recuperare. 

Se c’è un punto nel quale l’ingranaggio si inceppa, dobbiamo individuare qual è.

Contatti

#socialwall

I Moderati

Al centro della visione politica della lista civica per la quale mi sono candidato ci sono la persona, la libertà e la dignità di ogni essere umano, la centralità della famiglia e del lavoro, la solidarietà sociale e il rispetto per l’ambiente.

#AppendinoDoveSei

Seguimi sui social