fbpx

Ostruzionismo al Bilancio del Comune: finché non sarà risolta la questione delle Scuole Paritarie sarà lotta durissima

Slitterà di una settimana la discussione dei Bilanci del Comune e del progetto ITER, delibere degli Assessori Passoni e Pellerino, a causa degli emendamenti che ho presentato. Una scelta doverosa per sottolineare che il sistema dell’istruzione pubblico sta subendo un attacco ideologico senza precedenti. Ma i 550 posti di lavoro e i 6200 studenti non sono un problema ideologico, ma posti di lavoro e famiglie che hanno diritto di scegliere come educare i loro figli.
La situazione della FISM e delle scuole materne e primarie paritarie deve trovare soluzione: dopo una delibera che entra in Giunta il 30 dicembre con la conferma dei 3milioni e 250mila euro di contributo e ne esce il 31 con un taglio di 400 mila euro, a posteriori, sull’anno 2014, dopo un debito pregresso, risalente al 2013, che aspetta ancora di essere saldato, dopo che il personale ha dovuto accettare una dilazione delle tredicesime, dopo che alle famiglie è stato chiesto di sopportare l’onere di un contributo una tantum per fare fronte alle inadempienze e ai tagli a posteriori del Comune, ora si discute un’ulteriore riduzione per il 2015, ad anno in corso. Una situazione inaccettabile che riduce ad un mercanteggiamento con un fornitore quella che invece è una questione politica e di programmazione: non solo a parole, ma nei fatti la Maggioranza deve spiegare che idea ha della libertà di educazione e come intende far fronte ai 6200 bambini che si riverseranno nelle scuole statali, peraltro insufficienti di numero, se le paritarie dovessero chiudere. I 550 posti di lavoro, i 6200 bambini, le oltre cinquemila famiglie che scelgono le scuole paritarie per dare un’educazione ai loro figli rappresentano cittadini torinesi che hanno dei diritti e che devono essere tutelati.
Quando la Giunta vorrà entrare nel merito di queste domande, quando vorrà discutere apertamente, davanti a tutti i cittadini, di che idea ha del sistema delle scuole primarie e delle scuole dell’infanzia nella nostra Città, allora mi troverà pronto e disponibile al confronto. Fino ad allora non mi resterà che perseverare in una scelta ostruzionistica, nei confronti di tutte le delibere presentate dagli Assessori Passoni e Pellerino, che altro non vuol essere se non un campanello di allarme per una situazione che non può più aspettare né sostenere i chiari di luna della Maggioranza.

La mostra di arte al Santo Volto, l’accessibilità negata e l’ostruzionismo del Comune

Dallo scorso 19 aprile fino al prossimo 19 giugno è aperta nei locali della chiesa, opera dell’architetto Botta, un’apprezzata, e molto frequentata dal pubblico, antologica di pittori italiani e internazionali. Un’iniziativa che, se da una parte rappresenta una delle rare iniziative culturali fuori dal centro storico, dall’altra è stata in grado di stimolare al massimo grado lo zelo di agenti GTT e Polizia municipale: e così sono fioccate le multe per divieto di sosta e addirittura, in data 6 maggio, sono comparsi paletti dissuasori posizionati di fronte all’ingresso. A farne le spese, i volontari, i fornitori e i visitatori (soprattutto quelli disabili), che non riescono ad accedere ai locali della mostra con facilità. Il tutto mentre il degrado del marciapiede non sembra essere stato notato dall’Amministrazione civica.

Se in altre zone del quartiere si organizzano feste notturne e manifestazioni (spesso non autorizzate), con il loro corredo di schiamazzi e disturbo della quiete pubblica, senza che ci si premuri più di tanto di effettuare controlli e comminare multe, tutto il contrario si sta verificando in occasione della mostra di arte presso il Santo Volto (una delle poche iniziative che animano le nostre periferie), che pare istigare agenti GTT e Polizia municipale al massimo dello zelo e della pignoleria. La via privata, senza nome e senza uscita, adiacente agli uffici della Curia – unica via di accesso alla mostra – è scrupolosamente presidiata dagli agenti. Le multe fioccano per le auto posteggiate da volontari, fornitori e visitatori al termine della via o sul terreno privato antistante la mostra. Addirittura, il 6 maggio sono spuntati paletti di metallo per impedire alle auto di proseguire fino in prossimità dell’accesso alla mostra.

La stessa attenzione non pare meritare, solo per fare un esempio, la situazione di degrado, potenzialmente pericoloso, in cui versa il marciapiede.

Il compito del Comune dovrebbe essere favorire, e non certo ostacolare, iniziative come questa. Come? Non certo applicando il codice della strada con una rigidità che si potrebbe scambiare per volontà ostruzionistica.

Basterebbe invece provvedere all’immediata rimozione dei paletti; alla creazione, in fondo alla via e per tutto il periodo della mostra, di stalli per il parcheggio riservati alle persone disabili; all’eliminazione delle buche e delle erbacce che rendono il percorso pedonale adiacente la chiesa simile a un percorso di guerra.

Inoltre, si potrebbe pensare di dotare i 50 volontari di un pass GTT per poter utilizzare gratuitamente i mezzi pubblici durante il periodo della mostra; e ancora – sarebbe il massimo – si potrebbe predisporre una navetta GTT per portare i visitatori alla mostra, promuovendo la stessa  con pubblicità a bordo delle linee 3 e 9.

Vanchiglia affonda tra spaccio, illegalità e disordine

Il menefreghismo della politica ha incancrenito la situazione, la pedonalizzazione della zona rischia di farla precipitare. Nessuno vuole che il quartiere si trasformi in una nuova San Salvario.
L’obiettivo di una parte della politica cittadina appare chiaro: trasformare Vanchiglia nella nuova San Salvario, clonando scrupolosamente nella copia tutta la serie di annessi problemi –  dagli schiamazzi alla sporcizia, dall’illegalità al degrado – che caratterizzano l’originale.
L’immobilismo – ma sarebbe più corretto dire: “il menefreghismo” – della politica ha ormai incancrenito i problemi di un quartiere da mesi ostaggio degli spacciatori – sempre padroni della zona nonostante alcuni arresti -, nel quale la tensione generalizzata è percepita dai cittadini e dai commercianti. Il degrado e la sporcizia diffusi e il frastuono che si protrae fino all’alba rendono la zona invivibile per i residenti.
Evidentemente, le priorità sono sempre altrove (così come le pattuglie degli agenti a piedi introdotti dall’Assessore Tedesco solo a San Salvario), nonostante – solo per fare alcuni esempi recenti – in piazza Santa Giulia capiti che un’ambulanza sia impossibilitata a raggiungere l’abitazione di una persona che ne aveva chiesto l’urgente intervento a causa del posteggio selvaggio, rallentando così le operazioni di soccorso; o che, dopo l’orario di chiusura dei locali, venditori abusivi di bevande alcoliche trasformino i bagagliai delle loro auto in chioschi improvvisati.
Come se non bastasse, l’ultima proposta è quella di pedonalizzare un’area decisamente estesa del quartiere, da via Cesare Balbo ai laterali della Chiesa passando per via Giulia di Barolo e via Buniva. Con l’introduzione dell’area pedonale, la “sansalvarizzazione” di Vanchiglia sarebbe completata. L’idea è dell’Assessore Lubatti e dal presidente della Circoscrizione Durante. Ed è un’idea che trova l’opposizione convinta di residenti, commercianti, gestori dei locali e operatori del mercato.
Noi stessi ci opporremo con tutte le nostre forze a una soluzione che non farà che aumentare i problemi di disordine, rumore, spaccio e illegalità.

Movida e sicurezza, per l’Assessore Tedesco Vanchiglia è una zona di serie B

I pattugliamenti a piedi della Polizia municipale, introdotti dall’Assessore per regolare e controllare la vita notturna durante i mesi estivi, copriranno soltanto San Salvario. Altre zone ugualmente “calde” – piazza Santa Giulia e dintorni in primis – saranno abbandonate a se stesse dall’Amministrazione pubblica?
Questa Giunta continua ad agire come se esistessero, in città, zone privilegiate e zone indegne di attenzione e controllo. Una gestione a due velocità che pare regolare anche il controllo degli eccessi della movida estiva.
L’ultima iniziativa dell’Assessore Tedesco è l’introduzione di pattugliamenti notturni in San Salvario, nella fascia oraria tra mezza notte e le 6 di mattina durante i mesi estivi, da parte di coppie di agenti che si muovono a piedi.
Una misura motivata con la necessità di limitare gli schiamazzi e garantire decoro e sicurezza “in largo Saluzzo, dove fino a tarda notte si intrattengono all’aperto alcune centinaia di persone, e in tutta la zona circostante, nella quale la vita notturna non si spegne dopo la chiusura dei locali”.
Peccato che la descrizione calzi a pennello anche per altre zone della città, per esempio Vanchiglia – con i suoi locali molto frequentati e la movida che prosegue fino alle prime luci dell’alba – e piazza Santa Giulia, punto di ritrovo di centinaia di persone che prolungano il divertimento all’aperto fino a tarda notte.
Non si capisce per quale ragione si debbano fare due pesi e due misure per i residenti, i gestori dei locali e gli avventori occasionali dei due quartieri. E non si capisce soprattutto perché Vanchiglia meriti minori investimenti, attenzione e impegno rispetto a San Salvario da parte della Giunta comunale.

I Moderati

Al centro della visione politica della lista civica per la quale mi sono candidato ci sono la persona, la libertà e la dignità di ogni essere umano, la centralità della famiglia e del lavoro, la solidarietà sociale e il rispetto per l’ambiente.

#AppendinoDoveSei

Seguimi sui social