• home slideshow manifesto 2018
  • slideshow01
  • Magliano_Strippaggio2
  • A Torino contano le persone

Sicurezza, costi esorbitanti, rispetto della tradizione: le tre questioni chiave sui “droni a San Giovanni”

Scritto da Redazione sito on . Postato in news

L’Amministrazione risponda al più presto in Sala Rossa: già protocollata una mia interpellanza sul tema.

Cosa: droni ai posto dei fuochi, e si sapeva. Dove: un luogo “nuovo” (peraltro ancora non identificato) invece di piazza Vittorio Veneto, e questa è l’ultima novità. Questa Amministrazione sta erodendo, un colpo di piccone dopo l’altro, la storica tradizione torinese di San Giovanni.

Da tempo immemorabile il 24 giugno di ogni anno Torino dedica al proprio Patrono, san Giovanni Battista appunto, funzioni  religiose, il tradizionale “farò” e altri festeggiamenti (spettacoli in piazza, giochi, concerti e musica dal vivo, animazioni per più piccoli, manifestazioni sportive), che culminano con la sfilata e con il popolare spettacolo pirotecnico sul Po, di fronte alla Gran Madre;

Ma il rispetto della tradizione è solo uno dei termini della questione: gli altri due sono la sicurezza dei cittadini (e le autorizzazioni necessarie per un simile spettacolo) e la sostenibilità finanziaria di questa trovata.

Ho protocollato negli scorsi giorni un’interpellanza per avere risposte puntuali da parte della Giunta. Ecco, a seguire, i dieci interrogativi del mio quesito:

  1. l’Amministrazione ritiene compatibile con la tradizione della festa di San Giovanni un’esibizione di droni fluttuanti e luminosi?
  2. in quali occasioni, quando, in che contesto e con quali misure di sicurezza si sono già tenuti, in passato, spettacoli analoghi?
  3. quali autorizzazioni l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC) ha dovuto richiedere per un tale spettacolo di APR (Aeromobili a Pilotaggio Remoto)?
  4. queste autorizzazioni sono già state rilasciate?
  5. in caso contrario, entro quali tempistiche lo saranno?
  6. chi saranno, e come saranno selezionati, gli addetti al pilotaggio da remoto dei velivoli?
  7. chi sono i soggetti partecipanti al bando per l’organizzazione dello spettacolo?
  8. chi sono gli sponsor dell’evento?
  9. quanto costerà l’iniziativa al Comune di Torino (in assoluto e rispetto all’equivalente spettacolo di fuochi d’artificio)?
  10. quali speciali misure di sicurezza saranno prese alla luce della peculiarità dell’iniziativa?

 Mi aspetto di ricevere in Aula risposte puntuali, dettagliate e convincenti.