• home slideshow manifesto 2018
  • slideshow01
  • Magliano_Strippaggio2
  • A Torino contano le persone

PROPOSTA DI MOZIONE – Integrazione del ‘regolamento delle modalità di erogazione di contributi e di altri benefici economici, n. 373’ per garantire che contributi, patrocini e altri benefici economici della Città siano riconosciuti solo alle manifestazioni e agli eventi che garantiscano la totale accessibilità di spazi e luoghi alle persone con disabilità motorie

Scritto da Redazione sito on . Postato in Mozioni e Odg

Il Consiglio Comunale di Torino,               

PREMESSO CHE

  • sono numerosissimi gli ostacoli fisici presenti in città che possono impedire o rendere molto difficoltosa la mobilità dei cittadini ed in modo particolare chi ha capacità motorie ridotte;
  • un importante dovere di ogni buona Amministrazione è di garantire l’accessibilità a chi abbia problemi di deambulazione;

CONSIDERATO CHE

  • è particolarmente ampia e articolata la legislazione italiana in tema di abbattimento delle barriere architettoniche, segno evidente del valore riconosciuto alla fondamentale esigenza delle persone portatrici di disabilità di fruire pienamente e in perfetta sicurezza degli spazi pubblici;
  • l’Assemblea Generale dell’ONU ha adottato il 13 dicembre 2016 la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità ed è entrata in vigore il 3 maggio 2008;
  • adottata da 192 Paesi, firmata da 126 e ratificata da 49, la Convenzione dell’ONU rappresenta il primo grande trattato sui diritti umani del nuovo millennio;
  • si tratta di un documento di grandissima importanza per la promozione di una nuova cultura riguardo alla condizione delle persone con disabilità e delle loro famiglie;
  • l’articolo 9 della Convenzione si occupa di accessibilità: “al fine di consentire alle persone con disabilità di vivere in maniera indipendente e di partecipare pienamente a tutti gli ambiti della vita, gli Stati Parti devono prendere misure appropriate per assicurare alle persone con disabilità, su base di eguaglianza con gli altri, l’accesso all’ambiente fisico, ai trasporti, all’informazione e alla comunicazione e ad altre attrezzature e servizi aperti o offerti al pubblico, sia nelle aree urbane sia nelle aree rurali”;
  • l’Italia ha ratificato e reso esecutiva con legge n. 18 del 3 marzo 2009 la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità e, con il medesimo provvedimento, ha istituito l’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità;
  • molte Amministrazioni comunali del Paese hanno provveduto all’approvazione di atti che danno impulso alla concessione di contributi e patrocini solo per manifestazioni ed eventi in cui sia stata verificata la piena accessibilità per le persone con disabilità motorie;
  • a tale proposito, si cita il caso del Comune di Sassari e della mozione (prot. n. 90986 del 16/06/2017) presentata dalla Consigliera Desirè Manca (Gruppo consiliare MoVimento 5 Stelle), illustrata, discussa, emendata e approvata all’unanimità dal Consiglio Comunale nella seduta del 23 gennaio 2018;
  • l’articolo 2 punto 5 del Regolamento per le modalità di erogazione di contributi e di altri benefici economici, n. 373, della Città di Torino stabilisce che “i progetti finanziati dovranno svolgersi in assenza di barriere architettoniche al fine di garantire la fruibilità anche a persone svantaggiate”;

IMPEGNA

il Sindaco e la Giunta:

  • ad intraprendere concretamente tutte le azioni utili e necessarie affinché, in occasione di manifestazioni per le quali siano concessi contributi o il patrocinio della Città, vengano realizzati e utilizzati spazi e/o luoghi privi di barriere architettoniche e che garantiscano la piena accessibilità alle persone con disabilità;
  • a modificare, adeguare ed integrare i Regolamenti comunali recanti disposizioni in materia di concessione dei contributi, patrocini e altri benefici economici affinché tutti i progetti finanziati e/o patrocinati dalla Città si svolgano in assenza di barriere architettoniche al fine di consentire la totale fruibilità anche a persone con disabilità.

Silvio Magliano