fbpx

Modifica degli importi dei debiti per i quali Soris può procedere al fermo amministrativo

amico volontariato ganasce fiscali

IL GRUPPO PDL IN COMUNE PRESENTA UNA MOZIONE PER L’INNALZAMENTO DEGLI IMPORTI MINIMI DEGLI INSOLUTI PER CUI SORIS, LA SOCIETÀ COMUNALE DI RISCOSSIONE DEI TRIBUTI COMUNALI, PUÒ PROCEDERE AL FERMO AMMINISTRATIVO DELLA VETTURA E AL SEQUESTRO DI BENI DI PROPRIETÀ DEL DEBITORE. LA MOZIONE, PRESENTATA L’8 LUGLIO, È STATA APPROVATA IN DATA 7 NOVEMBRE 2011

MOZIONE  N. 29

OGGETTO: MODIFICA DEGLI IMPORTI OLTRE I QUALI SORIS PUO’ PROCEDERE AL FERMO, ALL’IPOTECA ED AL PIGNORAMENTO.

Il Consiglio Comunale di Torino,

PREMESSO CHE

–      con deliberazione del Consiglio Comunale del 26 luglio 2004 si è costituita la Soris S.p.A. a cui si è affidata la riscossione volontaria e coattiva dei tributi comunali (Ici, Tarsu, Affissione) e delle entrate patrimoniali imposte (Cosap e Cimp) e della riscossione coattiva delle sanzioni amministrative accessorie derivanti dal Codice della Strada e della riscossione spontanea delle sanzioni diverse dal Codice della Strada che scaturiscano da accertamenti della Polizia Locale e da altri organi di vigilanza;

–      con deliberazione del Consiglio Comunale del 20 settembre 2004 è stato approvato lo schema del contratto di servizio;
–      il contratto può essere oggetto di revisione da parte del Consiglio Comunale;
–      il contratto di servizio prevede che il Comune possa impartire direttive o richiedere interventi specifici nell’ambito delle attività di competenza della Soris;
–      la Soris redige il piano annuale entro il 31 ottobre dell’anno precedente a quello di riferimento;
–      nel contratto di servizio si prevede che le attività oggetto del contratto stesso vengano eseguite sotto la vigilanza del Comune, che controlla l’operato della Società;
–      il capitolato di servizio, previsto nel contratto di servizio, stabilisce i livelli minimi di servizio e viene predisposto, anch’esso, entro il 31 ottobre dell’anno precedente a quello di riferimento ed il Comune può formulare richieste di modifica;
–      nel contratto di servizio tra Comune e Polizia Municipale si stabilisce che la riscossione coattiva debba avvenire nella massima tutela dell’interesse pubblico;

CONSIDERATO CHE

–      nel capitolato di servizio dedicato alla riscossione coattiva delle sanzioni del Codice della  Strada e delle violazioni ai regolamenti comunali si prevede che per le posizioni rimaste insolute la Soris dovrà dar corso alle procedure tipiche della riscossione coattiva per importi superiori ad Euro 100,00;
–      il fermo amministrativo avverrà per importi superiori ad Euro 100,00;
–      l’ipoteca immobiliare verrà iscritta per importi superiori ai 4.000,00 Euro;
–      il pignoramento immobiliare partirà da 8.000,00 Euro;
–      il pignoramento mobiliare di autoveicoli avverrà per importi superiori ai 1.000,00 Euro;
–      per importi inferiori ai 100,00 Euro la Soris dovrà inviare raccomandata A/R al fine di sollecitare il pagamento;

VISTO CHE

il decreto sviluppo approvato dal Parlamento prevede, nel capitolo dedicato ad Equitalia, che per i debiti fiscali fino a 2.000,00 Euro Equitalia non potrà procedere alla riscossione coattiva (le ganasce fiscali) delle somme iscritte a ruolo senza prima aver inviato al contribuente due solleciti, intervallati l’uno dall’altro da un periodo di almeno 6 mesi (testo della legge: in tutti i casi di riscossione coattiva di debiti fino ad Euro duemila ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, intrapresa successivamente alla data di entrata in vigore della presente disposizione, le azioni cautelari ed esecutive sono precedute dall’invio, mediante posta ordinaria, di due solleciti di pagamento, il secondo dei quali decorsi almeno sei mesi dalla spedizione del primo);

IMPEGNA

Il Sindaco e la Giunta a modificare, innalzandoli, gli importi previsti per il fermo amministrativo.

 

 

Contatti

#socialwall

I Moderati

Al centro della visione politica della lista civica per la quale mi sono candidato ci sono la persona, la libertà e la dignità di ogni essere umano, la centralità della famiglia e del lavoro, la solidarietà sociale e il rispetto per l’ambiente.

#AppendinoDoveSei

Seguimi sui social