INTERPELLANZA – Perché l’Amministrazione non sfratta il degrado e l’illegalità dal giardino senza nome di via Macerata?

PREMESSO CHE

  • nel territorio della Circoscrizione 4 è presente un giardino attrezzato a verde pubblico, inaugurato nel luglio 2010, il cui perimetro è delimitato dalle vie Macerata-Dronero-Caserta-Savigliano;
  • sono presenti un’area gioco bimbi, alberate, spazi verdi, panchine e vialetti pavimentati;
  • in data 28 febbraio 2017 la Commissione Comunale per la Toponomastica, su richiesta dell’Accademia delle Scienze, decise di proporre l’intitolazione di questo giardino a Ernesto Schiaparelli;
  • con la Delibera del 14 marzo 2017 (mecc. 2017 00871/011), su proposta dell’Assessora Pisano, la Giunta decise di assegnare la denominazione “Ernesto Schiaparelli”;

RILEVATO  CHE

  • lo stato di degrado del giardino oggetto del presente atto è stato segnalato dallo scrivente con due precedenti atti;
  • il primo, l’interpellanza mecc. 2017 03502 (“In Circoscrizione 4 sicurezza e pulizia a zero stelle: degrado, sporcizia e delinquenza a cinque stelle”), presentata dallo scrivente il 6 settembre 2017 è stata discussa in Consiglio Comunale nella seduta del 9 ottobre 2017;
  • il secondo, l’interpellanza mecc. n. 2018 02960 (“Nei giardini che nessuno sa, quanta vita si trascina qua”), presentata dallo scrivente l’11 luglio 2018 è stata discussa in Consiglio Comunale nella seduta del 30 luglio 2018;
  • di seguito si riporta la risposta pronunciata in Aula dall’Assessore Unia, tratta dal verbale della seduta;
  • “Allora, risponderò come sempre punto per punto all’interpellanza del Consigliere Magliano, allora in merito al primo quesito la nota trasmessami dal Servizio Toponomastica riporta che la delibera di intitolazione del giardino compreso tra le vie Macerata, Dronero, Caserta, Savigliano all’egittologo Ernesto Schiapparelli è stata approvata dalla Giunta Comunale il 14 marzo 2017. Visto l’accoglimento della proposta da parte della Commissione Toponomastica nella seduta del 28 febbraio 2017 la richiesta della prevista autorizzazione prefettizia è stata inoltrata in data 20 marzo 2017 e pervenuta favorevole il 4 settembre 2017. Relativamente alla cerimonia di intitolazione del giardino che viene decisa e calendarizzata dal Presidente del Consiglio Comunale, Presidente della Commissione Toponomastica all’ufficio Toponomastica non risulta sia stata inserita nell’elenco delle cerimonie di intitolazione previste in tempi brevi. Perciò ho provveduto ad inoltrare l’interpellanza che stiamo trattando al Presidente Versaci la cui Segreteria mi ha confermato che la cerimonia di intitolazione non è ancora stata calendarizzata e mi ha comunicato che l’ufficio Iniziative Istituzionali che cura l’agenda delle cerimonie valuterà una possibile data nel 2019. In riferimento alla necessità di manutenzione dell’area giochi segnalata dal Consigliere Magliano l’ufficio tecnico della Circoscrizione 4 informa che il 24 luglio è stato eseguito il lavoro già ordinato da alcuni mesi di rifacimento della pavimentazione anticaduta nell’area giochi situata all’angolo tra via Caserta e via Dronero. L’area giochi sarà riaperta non appena la pavimentazione sarà asciutta. Nell’altro angolo tra via Caserta e via Savigliano l’ufficio tecnico della Circoscrizione non ritiene di poter intervenire in quanto lungo tutta la via Savigliano nel tratto tra via Caserta e via Macerata esiste un notevole cedimento del terreno dovuto al pessimo rinterro effettuato successivamente alla realizzazione di box interrati sotto la via Savigliano del predetto tratto di strada. Il Servizio Gestione Grandi Opere a questo proposito informa che la restante parte dell’intervento potrà essere inserita nel primo provvedimento utile, variante o lavori supplementari delle manutenzioni straordinarie in corso, previa valutazione delle altre priorità e risorse a disposizione. Per gli aspetti legati alla sicurezza il Comandante Capo del Corpo della Polizia Municipale comunica che la zona in cui insiste il giardino pubblico delimitato tra le vie Macerata, Dronero, Caserta e Savigliano rientra tra quelle monitorate dal personale del Comando Sezione 4 della Polizia Municipale. I passaggi delle pattuglie al fine di vigilare l’area sono svolti anche nelle ore serali notturne con l’intento di prevenire situazioni di degrado e segnalare eventuali anomalie agli uffici competenti per gli interventi di pulizia o ripristino. Da inizio 2018 al 25 luglio scorso in prosecuzione di servizi svolti negli anni precedenti sono stati effettuati 94 passaggi per verificare il comportamento degli utenti nel giardino, sarà cura degli agenti del Comando di zona proseguire le verifiche. Per quanto attiene il punto 5 il Comandante Bezzon ritiene che la valutazione in merito all’installazione di un sistema di videosorveglianza in zona non rientri fra le competenze dirette della Polizia Municipale, l’Assessore Finardi mi comunica in proposito che tale ipotesi va valutata con Questore e Prefetto. Per quanto concerne la situazione igienica del giardino AMIAT ritiene che le stesse foto scattate dal Consigliere dimostrino come essa sia ottimale, fatto salvo per l’area comunque transennate ed inaccessibile di ingresso nei locali sotterranei, in data 19 luglio peraltro personale tecnico dell’ufficio ciclo rifiuti dell’Area Ambiente ha eseguito un sopralluogo presso il giardino Schiapparelli che ha confermato le buone condizioni di pulizia già segnalate dall’AMIAT, le aree di cantiere delimitate con griglie risultano essere uscite di sicurezza inaccessibili del parcheggio sotterraneo con affaccio sulla via Savigliano, tali accessi pedonali ha fatto sapere l’Area Patrimonio portano ad un complesso di box auto di proprietà della Città compresi dal piano dismissioni a seguito del sopralluogo eseguito dal personale Divisione Servizi Tecnici come risulta dalle fotografie allegate si è constatato che gli ingressi pedonali all’autorimessa sono recintati e coperti con tavole di legno e rete elettrosaldata. Per quanto sopra l’accesso risulta impedito pur restando in essere la possibilità di gettare all’interno della scala rifiuti di vario genere, per interdire sia l’accesso che la possibilità di gettare materiale all’interno occorrerebbe realizzare una struttura sopraelevata per la presenza del mancorrente per salvaguardare la copertina in pietra del muretto di contorno. Tali lavori di natura straordinaria da eseguirsi peraltro su un patrimonio inserito nel Piano di Dismissioni possono essere eseguiti in funzione di disponibilità di fondi che al momento risultano essere esigui e non sufficienti neanche per le emergenze. In merito alla pulizia dell’opera d’arte del maestro Ghiotti posizionata all’interno del giardino ed imbrattata da varie scritte vergata con vernice spray il Direttore dei Servizi Tecnici informa che l’intervento di pulitura è stato commissionato alla ditta affidataria della manutenzione ordinaria dei monumenti cittadini in capo al Servizio Edilizia per la Cultura che lo ha eseguito la scorsa settimana tra il 24 il 25 luglio, provvedendo anche a ripulire le due panchine. Infine per quanto concerne il punto 8 dell’interpellanza, ovvero la possibilità di trovare sponsor il Presidente Cerrato comunica che la Circoscrizione si è già attivata in tal senso, a tal proposito comunque il Servizio Verde Pubblico ricorda che dal 2018 la Città di Torino consente ai privati interessati in attuazione delle disposizioni di legge di proporsi per la sponsorizzazione del Verde Pubblico, con delibera della Giunta Comunale meccanografico 2017-01981/046 del 30 maggio 2017 esecutiva dal 15 giugno 2017 quest’Amministrazione ha approvato le linee di indirizzo per l’iniziativa di ricerca di sponsor per il quinquennio dal 2017 al 2021 al fine di reperire risorse per la valorizzazione e manutenzione delle aree verde pubblico, delle aree gioco, delle aree cani comunali e per la realizzazione di attività legate alla manutenzione, promozione, cura del verde torinese. Chi aderisce otterrà in cambio la possibilità di associare la propria immagine aziendale alla cura del verde attraverso iniziative di visibilità quali la pubblicazione sul sito web del proprio marchio associato all’iniziativa o la possibilità di installare sull’area verde impianti informativi della sponsorizzazione o ancora la possibilità di realizzare campagna informativa legando la propria immagine a quella della Città. Il nuovo avviso per la ricerca di sponsor per il verde pubblico è valido da luglio 2018 a dicembre 2019 come modificato in seguito nella delibera del 12 giugno 2018 che ha introdotto alcune variazioni ed è stato recentemente pubblicato sul sito web del Verde Pubblico. L’avviso prevede scadenze mensili da luglio 2018 a tutto il 2019 e si applica anche nelle aree di competenza circoscrizionale quale è l’area in questione e quale il giardino Giovanni Battista Schiaparelli sponsorizzato dalla SMAT che ha sua sede nelle immediate adiacenze che ha stipulato il contratto di sponsorizzazione con la Circoscrizione 7 fin dal 2010, dopo aver partecipato alla procedura prevista dall’avviso cittadino. Nella pagina web è scaricabile la modulistica per proporsi quale sponsor, è possibile per i privati interessati a proporre la propria sponsorizzazione per la manutenzione, per la riqualificazione e manutenzione di aree gioco fitness ed aree cani, la realizzazione di aiuole fiorite e allestimenti di ponti fioriti, l’incremento e la cura del patrimonio arboreo della Città, l’acquisto in posa in opera di arredi e per parchi e giardini, aree verdi della Città e la gestione di fontane ed impianti di irrigazione, si sottolinea che l’assenza dell’area di via Macerata, Dronero, Caserta e Savigliano dall’elenco relativo alla Circoscrizione 4 dell’allegato 1 dell’avviso, elenco che riporta le aree potenzialmente disponibili per la sponsorizzazione, non è assolutamente un problema, infatti come è indicato fin dai primi paragrafi si tratta di un elenco indicativo per dare ai potenziali sponsor alcune idee in merito alle caratteristiche della manutenzione richiesta, nonché ove già individuati alcuni suggerimenti per interventi di miglioramento, è sempre comunque possibile proporsi per la sponsorizzazione anche di aree non individuate.”;

CONSIDERATO CHE

  • il 25 settembre 2018 presso il giardino si è svolto un sopralluogo delle Commissioni II e VI a cui ha partecipato anche l’Assessore Unia;
  • ad oggi non risulta nè svolta né calendarizzata alcuna cerimonia ufficiale di intitolazione;
  • nel complesso, il giardino è connotato da una grave situazione di degrado derivante dalla presenza di immondizia di ogni genere (siringhe, lattine, bottiglie di vetro rotte, cartacce) di cui è senza dubbio primaria responsabilità l’inciviltà e la maleducazione di taluni frequentatori ma a cui evidentemente i gestori pro tempore della res publica non riescono a porre rimedi adeguati;
  • manca da sempre il cartello recante divieti e numeri di emergenza, solitamente presente in tutti i giardini della Città;
  • i due varchi di accesso ai box sotterranei rappresentano punti di forte degrado e fungono da ricettacoli di rifiuti: il loro stato di abbandono vanifica qualsiasi opera di riqualificazione dell’area anche ai fini della intitolazione ufficiale;
  • l’opera del maestro Ghiotti è ancora e sempre “sporcata”;
  • nel corso dell’estate 2018 il Presidente della Circoscrizione IV, Claudio Cerrato, ha chiesto formalmente la sponsorizzazione alla dott.ssa. Francesca Lavazza, Presidente degli “Scarabei”, Associazione che sostiene finanziariamente il Museo Egizio ed è sponsor di mostre all’estero anche con reperti di Ernesto Schiaparelli: allo stato attuale non risulta pervenuta risposta;
  • alcuni organi d’informazione hanno documentato la presenza di siringhe riportando i sopralluoghi svolti dai Carabinieri della Stazione di zona (ottobre 2018, si allega foto);
  • il 7 febbraio 2019 lo scrivente ha presentato una proposta di mozione (“Perché sicurezza, legalità e decoro non possono risiedere in corso Principe Oddone?”, mecc. n. 2019 00471) per sollecitare Sindaca e Giunta ad intervenire per arginare il degrado e lo spaccio che investono corso Principe Oddone, via Savigliano e le vie limitrofe: è innegabile che da qui gli stessi fenomeni criminali si estendano fino al giardino di via Macerata e che, pertanto, maggiori controlli e misure più stringenti recherebbero beneficio a tutta la zona;

INTERPELLA

Il Sindaco e l’Assessore competente per sapere:

  1. se sia stata calendarizzata nel corrente anno la formale cerimonia di inaugurazione del giardino (“Perciò ho provveduto ad inoltrare l’interpellanza che stiamo trattando al Presidente Versaci la cui Segreteria mi ha confermato che la cerimonia di intitolazione non è ancora stata calendarizzata e mi ha comunicato che l’ufficio Iniziative Istituzionali che cura l’agenda delle cerimonie valuterà una possibile data nel 2019.” Risposta Assessore Unia Consiglio Comunale 30 luglio 2018);
  2. se siano pervenute o accettate richieste di sponsorizzazione per la manutenzione del giardino in oggetto e se l’Amministrazione intenda proporre alla SMAT di sponsorizzare anche il giardino di via Macerata, tenuto conto che già sostiene quello intitolato al chimico Giovanni Battista Schiaparelli, cugino di Ernesto Schiaparelli;
  3. se e quando verranno completati i lavori di manutenzione e ripristino dell’area giochi e della pavimentazione, tenuto conto che il cartello di cantiere reca termine lavori il 27/12/2018 (l’area giochi interessata dai lavori è quella vicina alla Scuola “Bovetti” ma il degrado di uno degli accessi ai box ne impedisce la fruibilità; si allega documentazione fotografica);
  4. quale sia l’attività svolta dalla Polizia Municipale dal 26 luglio 2018 ad oggi a presidio della zona in oggetto e quali le risultanze (“la zona in cui insiste il giardino pubblico delimitato tra le vie Macerata, Dronero, Caserta e Savigliano rientra tra quelle monitorate dal personale del Comando Sezione 4 della Polizia Municipale. I passaggi delle pattuglie al fine di vigilare l’area sono svolti anche nelle ore serali notturne con l’intento di prevenire situazioni di degrado e segnalare eventuali anomalie agli uffici competenti per gli interventi di pulizia o ripristino. Da inizio 2018 al 25 luglio scorso in prosecuzione di servizi svolti negli anni precedenti sono stati effettuati 94 passaggi per verificare il comportamento degli utenti nel giardino, sarà cura degli agenti del Comando di zona proseguire le verifiche” risposta Assessore Unia Consiglio Comunale 30 luglio 2018);
  5. se e quando l’opportunità di collocare impianti di videosorveglianza, considerando la situazione di spaccio, sia stata portata all’attenzione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica;
  6. se l’Amministrazione abbia effettuato le valutazioni tecniche all’uopo necessarie per impedire che i varchi di accesso ai box sotterranei siano utilizzati come latrine e discariche a cielo aperto (si allega documentazione fotografica), “coprendoli” in modo adeguato senza vanificarne un eventuale futuro ripristino, come dichiarato dall’Assessore Unia nel corso del sopralluogo sopra riportato;
  7. se i box sotterranei siano ancora inseriti nel Piano delle Dismissioni, se siano pervenute offerte e con quali metodi e canali sia stata garantita pubblicità alla dismissione di tali beni.

Silvio Magliano

Contatti

#socialwall

I Moderati

Al centro della visione politica della lista civica per la quale mi candido ci sono la persona, la libertà e la dignità di ogni essere umano, la centralità della famiglia e del lavoro, la solidarietà sociale e il rispetto per l’ambiente.

#AppendinoDoveSei

Seguimi sui social