INTERPELLANZA – Corso Giulio Cesare 6: un caleidoscopio di situazioni cui varrebbe la pena di prestare più attenzione

PREMESSO CHE

  • corso Giulio Cesare è un’importante arteria stradale urbana che trae origine in piazza della Repubblica e prosegue il suo percorso in direzione nord attraversando i quartieri Aurora, Barriera di Milano, Rebaudengo e Pietra Alta;
  • nel suo tratto iniziale, al civico 6, ha sede un condominio in merito alla cui situazione sono giunte allo scrivente numerose segnalazioni e richieste di aiuto;

 RILEVATO CHE

  • da quanto appreso, nel 2010 il compendio immobiliare in oggetto di intervento edile a fronte del progetto “The Gate”, con la supervisione e il parziale contributo economico della Città per un importo di € 450.000;
  • nel condominio ha sede la Moschea della Pace: trattasi, da quanto è stato comunicato allo scrivente, non di un noto luogo di culto ma di un’associazione culturale;
  • ciascun venerdì, presso il cortile condominiale, si celebra la preghiera settimanale: questo momento dà adito allo svolgimento di attività collaterali quali, ad esempio, la vendita di prodotti alimentari;
  • parallelamente alla commercializzazione di alimentari avviene lo spaccio di sostanze stupefacenti: attività, quest’ultima, non limitata alla giornata del venerdì ma “garantita” per tutto l’arco settimanale, notte e dì;
  • si aggiunga, sempre secondo quanto narrato allo scrivente da più voci, che numerose persone hanno preso l’abitudine di utilizzare le parti comuni del condominio come luogo riparato per bivaccare e dormire (androne, cortile, piano 4 scala B e altri luoghi);
  • tutte la attività sopra descritte avvengono nella totale inosservanza delle prescrizioni sanitarie in tema di contrasto alla diffusione epidemiologica in corso: quindi nessun distanziamento interpersonale, nessuna mascherina, nessuna igienizzazione per le mani;
  • risulta che il passaggio pedonale del portone rimanga perennemente aperto, in contrasto con le specifiche indicazioni dell’Amministratore;

CONSIDERATO CHE

  • non è degno di una città moderna e dinamica che proliferino entro i suoi confini delle autentiche “zone franche della legalità”: cioè aree più o meno ampie in cui le disposizioni di legge, valide erga omnes, non vengano osservate e nulla si faccia per ripristinare condizioni di igiene, sicurezza e legalità;

INTERPELLA

Il Sindaco e l’Assessore competente per sapere:

  1. se l’Amministrazione sia a conoscenza della situazione sopra sinteticamente descritta;
  2. se l’Amministrazione, facendo ricorso alle molteplici competenze delle proprie articolazioni, intenda predisporre adeguati interventi al fine di avere cognizione diretta e non mediata della situazione, mappare le attività svolte e avere conoscenza la situazione sanitaria dei frequentanti;
  3. se l’Amministrazione, per quanto non di propria diretta competenza, intenda richiamare la collaborazione degli altri livelli di governo del territorio (quali, ad esempio, la Regione con l’ASL) e delle forze di polizia ad ordinamento statale.

Silvio Magliano

Contatti

#socialwall

I Moderati

Al centro della visione politica della lista civica per la quale mi sono candidato ci sono la persona, la libertà e la dignità di ogni essere umano, la centralità della famiglia e del lavoro, la solidarietà sociale e il rispetto per l’ambiente.

#AppendinoDoveSei

Seguimi sui social