I Cinque Stelle si oppongono al riconoscimento della Presidenza Guaidó

La Maggioranza vota compatta in Sala Rossa contro il mio ordine del giorno sul riconoscimento da parte della Città di Torino del Presidente del Parlamento venezuelano come Presidente della nazione sudamericana.

I Cinque Stelle gettano la maschera. Votare contro questo mio atto, la cui cifra è tutta politica, significa votare contro un ordine del giorno che si schiera dalla parte della libertà e della democrazia e che vuole rappresentare, peraltro, un segno di attenzione e di rispetto nei confronti dei tanti venezuelani che vivono a Torino.

Oggi sarebbe stato importante, per il Consiglio Comunale della nostra città, prendere una posizione sul tema. La situazione in Venezuela è drammatica. Abbiamo tutti visto le immagini dei mezzi dell’esercito contro la popolazione civile.

Il Governo italiano è stato tra i pochi a non prendere in merito una posizione netta. Stessa situazione, oggi, in Consiglio Comunale a Torino. Ringrazio i colleghi della Minoranza che hanno sostenuto il mio atto. Il minimo comun denominatore tra Governo centrale e Comune di Torino sono proprio i Cinque Stelle, che anche in Sala Rossa hanno votato compatti (19 su 19 presenti) contro la mia proposta.

Sono amareggiato, ma non stupito.

Contatti

#socialwall

I Moderati

Al centro della visione politica della lista civica per la quale mi candido ci sono la persona, la libertà e la dignità di ogni essere umano, la centralità della famiglia e del lavoro, la solidarietà sociale e il rispetto per l’ambiente.

#AppendinoDoveSei

Seguimi sui social