Fumata nera sui fondi FISM, l’Amministrazione si nasconde dietro a “problemi di bilancio”

Non saranno ripristinati i 750mila euro tagliati alle Scuole Paritarie: una scelta tutta politica della Giunta. Ora si va verso un aumento delle tariffe, a danno delle famiglie.Esito non positivo per l’incontro odierno tra la Sindaca Appendino e la rappresentanza delle Scuole FISM: i tagli alle Paritarie, pari a 750mila euro, non saranno ripristinati. L’Amministrazione ha fatto promesse fumose e poco sostenibili sulla “possibilità di ottimizzare e razionalizzare” per recuperare almeno parte di questa cifra. Ora si spera in un aiuto esterno, cioè in quei famosi 61 milioni in possibile arrivo dallo Stato Centrale. Ma la scure che si è abbattuta sui finanziamenti, tagliati del 25%, è stata manovrata con mano e con intenzione tutta politica. Anzi, ideologica.

Il danno è fatto e a pagarlo, con un aumento delle tariffe, saranno, una volta di più, le famiglie. Tariffe che, da regolamento, sono decise dalla Giunta. Prossimi incontri sono in calendario a maggio e a giugno prossimi.

Non mi sarei aspettato un esito diverso, dal momento che a Torino come a Roma c’è una sorta di idiosincrasia per il sistema paritario. Non più tardi di sabato scorso, tante famiglie hanno manifestato nella Capitale contro i tagli nei confronti degli Asili Parificati. È evidente che per questa Amministrazione ci sono bambini di serie A e di serie B, insegnanti di serie A e di serie B, operatori di serie A e operatori di Serie B.

Contatti

#socialwall

I Moderati

Al centro della visione politica della lista civica per la quale mi sono candidato ci sono la persona, la libertà e la dignità di ogni essere umano, la centralità della famiglia e del lavoro, la solidarietà sociale e il rispetto per l’ambiente.

#AppendinoDoveSei

Seguimi sui social