Doposcuola, se “le tre regole auree” sono sufficienti, la Regione lo scriva

Attività di pre-scuola e di doposcuola in tempi di COVID-19: anche l’Assessorato, rispondendo in Aula al mio Question Time sul tema, conferma che non sono state approvate né linee guida né indicazioni specifiche ufficiali per le attività presso sedi diverse dai plessi scolastici a cura di Associazioni e cooperative del territorio regionale.

Se bastano le “tre regole auree” (distanziamento interpersonale, utilizzo della mascherina, pulizia/aerazione di superfici e locali), come dichiarato a verbale dall’Assessore Caucino, allora la Regione lo metta per iscritto e invii l’informativa a tutti i soggetti interessati. Non vorremmo che fossero proprio i Volontari a rimanere alla fine, nell’assenza di indicazioni chiare ufficiali, con il proverbiale cerino in mano. Nell’apprezzare l’attenzione per la peculiarità e per la natura giuridica dei soggetti che gestiscono questo tipo di attività e ritenendo gusto non vincolare con i lacci e i lacciuoli di un eccesso di burocrazia i soggetti coinvolti, resto convinto che regole certe siano necessarie e che le attività di pre e post scuola debbano essere svolte in totale sicurezza. Per tutti: bambine, bambini e Volontari. Questa è la prima e vera priorità.

doposcuola, Regione Piemonte

Contatti

#socialwall

I Moderati

Al centro della visione politica della lista civica per la quale mi sono candidato ci sono la persona, la libertà e la dignità di ogni essere umano, la centralità della famiglia e del lavoro, la solidarietà sociale e il rispetto per l’ambiente.

#AppendinoDoveSei

Seguimi sui social