Case ATC non assegnate: a Torino i numeri sono mostruosi

Ben 958 alloggi sfitti sul territorio comunale: un dato che, unito alla generale tendenza a sottovalutare il problema, fa schizzare il dato percentuale delle occupazioni abusive (108 a Torino, quasi il doppio rispetto a sei mesi fa). ATC è in clamoroso ritardo, manterrà alta l’attenzione affinché si rispettino le promesse di interventi efficaci.

Numeri mostruosi: 958 alloggi ATC sfitti sul territorio comunale. La base ideale per la crescita del fenomeno delle occupazioni abusive: fenomeno infatti in crescita a ritmi preoccupanti (61 casi a fine 2019, 99 ad aprile 2020, 108 oggi). Oggi ho portato nuovamente il tema in Consiglio Comunale con una nuova interpellanza: fin dal titolo scelto (“Occupazioni abusive e ATC: risalendo alle fonti della responsabilità”) ho voluto sottolineare l’obiettivo di arrivare a capire quale sia l’origine del problema. La risposta dell’Assessora Schellino è stata una serie di cifre impietose: su quasi mille unità abitative attualmente inutilizzate, solo 64 sono attualmente disponibili per le assegnazioni; dei restanti appartamenti, 546 necessitano di ristrutturazione e 283 non sono utilizzabili; di altri 65 alloggi recentemente disdettati non sono ancora state consegnate le chiavi. Le occupazioni abusive non nascono dal nulla, ma dalla disponibilità di appartamenti vuoti. Ecco come si arriva a situazioni come quella di corso Salvemini, di corso Racconigi o di via Bologna. È sottovalutando il problema, come si sta facendo da anni, che si arriva a non essere più in grado di controllarlo. I dati dicono che, su tre occupazioni, mediamente solo una è sventata con successo. Preoccupante anche l’andamento delle assegnazioni, con appena 48 assegnazioni nei primi 6 mesi del 2020 (erano state 339 in tutto il 2019). ATC è in clamoroso ritardo: non perda la sua funzione di soggetto che cerca di dare risposte ai cittadini. Le occupazioni abusive sono una piaga di questa città. Manterremo alta l’attenzione sul tema e mi assicurerò che alle promesse di rendere più efficiente la filiera della manutenzione e delle assegnazioni degli alloggi sfitti seguano i fatti.

Istituto Nazionale per l’IA, portiamolo a Torino: una proposta che sostengo con forza

Occasione da non perdere affinché la nostra città torni a essere un punto di riferimento a livello nazionale e non solo, creando sviluppo e attirando talenti: approvo senza mezzi termini la proposta lanciata da Don Luca Peyron.

Il nuovo Istituto Nazionale per l’Intelligenza Artificiale approdi a Torino: la nostra città può diventare una delle capitali di questo settore riacquistando così un ruolo strategico riconosciuto a livello nazionale e internazionale. Sostengo senza mezzi termini la proposta di Don Luca Peyron (Direttore della Pastorale Universitaria e Coordinatore dell’Apostolato Digitale di Torino), proposta che va nel senso dello sviluppo e della crescita e che potrà consentire a Torino di tornare ad attrarre talenti. La nostra città ha tutte le potenzialità e le infrastrutture per rappresentare una candidatura credibile. Le ricadute in termini occupazionali, di sviluppo e di prestigio sono facilmente immaginabili. Una proposta che, oltre tutto, va nel senso di una delle naturali vocazioni della nostra città, quella della ricerca tecnologica d’avanguardia. Mi metto a disposizione a mia volta per un progetto che sostengo, così come sostengo l’idea di avviare al più presto un tavolo di lavoro. Anche la politica è chiamata a rispondere: progetti di questo tipo vanno oltre gli schieramenti. Sono in gioco sviluppo, competitività e sostenibilità.

Spargere chiodi in autostrada? Atto omicida e terroristico

Solidarietà alle Forze dell’Ordine, sostegno alla TAV per un’Europa più “vicina” e coesa.

TAV, qualche inqualificabile soggetto arriva a spargere chiodi in autostrada: un atto che non può definirsi se non omicida e terroristico. Sono gli ultimi tentativi di colpo di coda di un’ideologia che appartiene al passato e che cerca – nelle sue frange più estremiste, dalle quali gli stessi NO TAV moderati e rispettosi della legge non possono che prendere le distanze – residue occasioni di visibilità. Essere per la TAV vuol dire credere in un’Europa più “vicina”, unita, compatta e coesa, opponendosi a una concezione di Europa in decrescita, polverizzata in tante piccole comunità isolate. Esprimo la mia piena e totale solidarietà alle Forze dell’Ordine.

Telecamere in corso Principe Oddone, premiati i miei sforzi

Due dispositivi collocati contro lo spaccio: ancora nulla di fatto, invece, sul fronte Pattuglione.

Da oggi corso Principe Oddone è più sicuro. Dopo anni di impegno e di battaglie sul tema, sono state finalmente collocate due telecamere contro lo spaccio. Ancora nulla di fatto, invece, per quanto riguarda il presidio fisso interforze: un baluardo contro degrado, insicurezza e criminalità da me richiesto con una mozione approvata ad aprile 2019 ad ampia maggioranza. Potrebbero bastare anche pochi mesi di presidio per porre fine ai problemi di insicurezza. Da anni la presenza della criminalità non conosce, in zona, né stagioni né orari: una costante ormai intollerabile in un quartiere oggetto di un importante investimento urbanistico, presso il quale un analogo investimento sulla tenuta sociale non è più rinviabile.

Cura degli alberi degli impianti sportivi: se ne occupino direttamente i concessionari in cambio di sconti

Lo propongo in Comune con una mozione alla luce dei casi di inerzia da parte dell’Amministrazione, da regolamento responsabile di questa attività: in cambio, l’Amministrazione riconosca equivalenti benefici sul canone o sui tributi locali.

Accade che presso gli impianti sportivi della Città affidati in concessione a terzi non sia svolta dalla Civica Amministrazione la potatura degli alberi ad alto fusto: un fatto che crea conseguenze sia all’agibilità di tensostrutture e gonfiabili sia all’integrità fisica degli sportivi. Questo problema ha inoltre aspri riverberi sulla responsabilità civile e penale già gravante in capo al concessionario per eventi dolosi o colposi o danni subiti da terzi. Per queste ragioni, ho presentato una mozione in Sala Rossa affinché sia permesso ai concessionari di provvedere a tale intervento direttamente e che, a riconoscimento di tale attività, siano successivamente garantiti benefici economicamente apprezzabili per quanto di competenza comunale, per esempio in tema di importo del canone concessorio o nell’alveo dei tributi locali. Gli impianti sportivi di rilevanza cittadina sono 6 ; 27 sono gli impianti di rilevanza cittadina affidati in concessione; gli impianti sportivi gestiti direttamente dalle Circoscrizioni sono 37; quelli affidati in concessione dalle Circoscrizioni sono 145.

Contatti

#socialwall

I Moderati

Al centro della visione politica della lista civica per la quale mi sono candidato ci sono la persona, la libertà e la dignità di ogni essere umano, la centralità della famiglia e del lavoro, la solidarietà sociale e il rispetto per l’ambiente.

#AppendinoDoveSei

Seguimi sui social