• home slideshow manifesto 2018
  • slideshow01
  • Magliano_Strippaggio2
  • A Torino contano le persone

Piazza Statuto: nuova pista ciclabile, tracciato pericoloso e assurdo. Nella Circoscrizione 7 fanno le strisce blu poi riparano le strade. Così la Giunta spreca i soldi dei torinesi

Scritto da Redazione sito on . Postato in news

Viabilità e manutenzione: alle porte dell’inverno, dopo due settimane di pioggia, vengono fuori le magagne. In piazza Statuto la nuova pista ciclabile è pericolosa e assurda. Nella 7 in via degli Artisti ridipinte le strisce blu dove il manto stradale è sconnesso ed impercorribile. La motivazione: Quando si provvederà alla manutenzione, non si rifarà il bordo strada, ma solo la zona centrale, per tutelare ciclisti e automobili. E ai pedoni chi ci pensa?

Dal caso Rachid e dalla proposta di sigillo civico alcune considerazioni sull’immigrazione e sul clamore attorno a una vicenda in verità normale

Scritto da Redazione sito on . Postato in news

Nel clamore che si è levato attorno alla storia di Rachid lo spunto per alcune riflessioni: dopo la tragedia, serve un caso per dimostrare che in Italia l’immigrazione non è solo Lampedusa e, forse, per evitare di proporre una soluzione strutturale al problema. Tanto di cappello a Rachid per il suo percorso umano e personale, per la sua tenacia, ma sono centinaia gli studenti stranieri che ogni giorno frequentano le nostre Università e si pagano gli studi.

Tagli alle scuole paritarie: scelta grave che rinnega gli impegni del Sindaco e mette a rischio il sistema educativo torinese

Scritto da Redazione sito on . Postato in news

L’Assessore Pellerino confonde cassa e competenza, quando dice che il taglio di 1,4 milioni di euro dalla convenzione FISM adegua le previsioni di bilancio alla realtà dei fatti: è assurdo che la Giunta smentisca il Sindaco che ad agosto aveva preso un impegno ben diverso. Ora il 30% delle scuole FISM rischia seriamente di chiudere: inconcepibile decisione contro la libertà di educazione.

Museo di Artiglieria chiuso da anni con poche speranze di riapertura: così Torino abbandona il suo patrimonio

Scritto da Redazione sito on . Postato in news

Il Comune non ha idea di quando potranno essere completati i lavori sugli impianti che ancora mancano per la riapertura del Museo, chiuso ormai da tre anni: i reperti sono in un deposito in piazza Rivoli. Una risorsa culturale e turistica senza prospettive di riapertura: sarebbe meglio fare meno iniziative natalizie e valorizzare adeguatamente le nostre attrattive culturali e turistiche.